Chiesa Viva n°348

Fonte web

Padre Massimiliano Maria KolbeIl 15 Agosto 1941, nel forno crematorio di un campo di sterminio nazista, nei pressi di Auschwitz, veniva ridotto in cenere il corpo del francescano polacco Padre Massimiliano Kolbe. Padre Kolbe si era offerto in sacrificio per salvare la vita di un padre di famiglia, condannato a morte dalla ferocia nazista! Nel 1971, Papa Paolo VI lo dichiarava “Beato” e, undici anni dopo, Papa Giovanni Paolo II lo dichiarava “Santo, confessore e martire”. Padre Kolbe era, così, diventato Santo! Un Santo polacco venuto da Auschwitz!
Padre Kolbe aveva un’idea molto precisa del mondo politico polacco. In un articolo del 1923, scriveva: «Che i massoni esercitino, qui da noi, una grande influenza anche sul Governo, è dimostrato, in modo eloquente, dal fatto che (…) lo scioglimento del Governo di Ponikowski (…) era stato ordinato dalla Massoneria (…)! Ed avvenne proprio così!».
Kolbe, poi, riferisce: «Esiste una forza nefasta che non permette ai polacchi di mettersi d’accordo tra loro…» poi commenta: «Questa forza, che ormai ha cessato di celarsi, è una cospirazione massonica. (…) Ecco qual è la mano misteriosa che spinge il nostro paese alla rovina!».
Padre Kolbe non si faceva scrupoli nel denunciare apertamente gli alti dignitari della nazione che appartenevano alla Massoneria! In un altro articolo del 1925, dal titolo: “Una onorificenza scandalosa”, Padre Kolbe scriveva: «Il 3 maggio è stato, per tutta la Polonia, un giorno solenne. Al termine di tali festeggiamenti, sono state date le onorificenze ai benemeriti». Tra i decorati, però, compariva il nome di Andrea Strug, il Gran Maestro della Grande Loggia Massonica della Polonia! A questo proposito, Padre Kolbe commenta: «Dunque, è proprio lui!!! Nel giorno della consacrazione della nazione alla Madonna, quale Regina della Polonia, riceve un’orificenza… dal Governo polacco… il Gran Maestro (della Massoneria), il condottiero dei nemici più accaniti della Chiesa, della Religione, e… dell’Immacolata, la Regina della Polonia…». Kolbe termina l’articolo esclamando: «Vergogna!».
Consapevole dell’aggressione massonica, in un articolo del ‘23, Padre Kolbe si chiedeva: «Di fronte agli attacchi incalzanti dei nemici della Chiesa di Dio ci è lecito rimanere inattivi? Ci è lecito, forse, lamentarci e versare lacrime soltanto? No affatto! Ricordiamoci che al giudizio di Dio renderemo stretto conto non solamente delle azioni compiute, (ma anche) di tutte le buone azioni che avremmo potuto compiere, ma che non abbiamo compiuto!». E infine, conclude con queste parole: «Su ciascuno di noi pesa il sacrosanto dovere di metterci in trincea e di respingere gli attacchi del nemico con il nostro petto!».
Un suo scritto inedito del 1922, dal titolo: “Gli attuali nemici della Chiesa”, termina con queste parole: «il principale, il più grande e il più potente nemico della Chiesa è la Massoneria».
Il Santo va dritto alla radice del pensiero massonico, scrivendo: «La Massoneria, (…) nelle Costituzioni Generali, si era prefissa chiaramente uno scopo che a nessuno è lecito cambiare. “Ciascuna delle Grandi Logge – vi si afferma – ha il diritto di migliorare le precedenti prescrizioni e stabilirne di nuove, ma non di modificare i punti fondamentali, che devono rimanere fissi per sempre”. Quali sono questi punti fondamentali? – si chiede Padre Kolbe. E subito risponde: La liquidazione totale del mondo soprannaturale!».
In un articolo del ‘24, diceva: «Attualmente, la Massoneria è, senza dubbio, il capo del serpente infernale. Non dico i massoni, ma le loro finalità, la loro organizzazione che è rivolta contro Dio e contro la felicità delle anime».
In un articolo del ‘26, scriveva ancora: «(…) in questi nostri tempi, il capo dei nemici della Chiesa e della salvezza delle anime è la Massoneria!».
Sul comunismo, Padre Kolbe affermava, in un articolo del ‘39: «(…) L’ateismo comunista pare stia strepitando nel modo più rumoroso e fa di tutto per seminare, ovunque gli riesca, i suoi pregiudizi reazionari. Alle origini di esso possiamo tranquillamente collocare quella mafia criminale che si chiama “Massoneria”»!
La strategia adottata dalla Massoneria per combattere la Chiesa era ben nota a Padre Kolbe. In una lettera, egliriporta testualmente la risoluzione presa dai massoni in un loro Congresso: «Noi potremo vincere la Religione cattolica non con il ragionamento, ma, unicamente, pervertendo i costumi!».
In un articolo del ‘25, a proposito della degenerazione dei costumi, il Santo scriveva: «Volgendo lo sguardo attorno a noi, notiamo la scomparsa, spaventosa, della moralità, soprattutto in mezzo alla gioventù; anzi, stanno sorgendo delle associazioni, veramente infernali, che hanno inserito nel loro programma il delitto e la dissolutezza; (…). Il cinema, il teatro, la letteratura, l’arte, diretti in gran parte dalla mano invisibile della Massoneria, lavorano febbrilmente, in conformità alla risoluzione dei massoni: «Noi vinceremo la Chiesa cattolica non con il ragionamento, ma pervertendo i costumi!».
Sempre preoccupato delle anime, Padre Kolbe ritorna frequentemente sul tema della moda, incolpando sempre la Massoneria come artefice e commerciante di immoralità. Per esempio, nell’articolo dal titolo: “L’ultima moda”, del 1926, ripeteva la sua accusa: «I massoni (..) hanno cominciato a seminare l’immoralità attraverso il teatro, il cinema, i libri, le riviste, i quadri, le sculture, ecc., e attraverso una moda – mi si scusi l’espressione – sempre più da porci!».
Nota: Testo tratto da un articolo pubblicato su Chiesa viva n° 125. Protocolli dei Savi di Sion / Talmud (cosa sono) Chiesa Viva n°349

Nel 1917, Massimiliano Kolbe fonda la “Milizia dell’Immacolata”. Naturalmente, la sua lotta non fu quella di abbattere le anime del nemico, ma quella di richiamarle e convertirle, per la loro eterna salvezza, e per questo, Padre Kolbe si rivolgeva anche ai suoi nemici.
In un suo articolo dal titolo: “Poveretti!!!”, scriveva: “L’uomo è redento. Cristo ha fondato la sua Chiesa sulla roccia. Una parte del popolo ebreo riconobbe in lui il Messia, gli altri, soprattutto i superbi farisei, non vollero riconoscerlo; essi perseguitarono i suoi seguaci e diedero il via ad un gran numero di leggi che obbligavano gli ebrei a perseguitare i cristiani. Queste leggi, insieme a narrazioni e ad appendici, verso il 500, formarono il loro libro sacro, il “Talmud”. In questo libro, i cristiani vengono chiamati: idolatri, peggiori dei turchi, omicidi, libertini impuri, sterco, animali in forma umana, peggiori degli animali, figli del diavolo, ecc. I sacerdoti vengono chiamati indovini eteste pelate (…). La Chiesa (viene chiamata) casa di scempiaggine e di sporcizia. Le immagini sacre, le medagliette, i rosari, sono chiamatiidoli. Nel “Talmud”, le domeniche e le feste vengono denominate giorni di perdizione. In questo libro si insegna, inoltre, che ad un ebreo è permesso ingannare e derubare un cristiano, poiché tutti i beni dei cristiani – vi è scritto – “sono come il deserto: il primo che li prende, ne diviene il padrone”. Quest’opera che raccoglie dodici volumi e che ispira odio contro Cristo e i cristiani, viene considerata da questi farisei un libro sacro, più importante della Sacra Scrittura.
In ricorrenza del Congresso Internazionale dei massoni, che si tenne a Bucarest nel 1926, Padre Kolbe scrisse, in un articolo: «Quei signori (cioè i massoni) credono di essere loro a governare: ascoltiamo, allora, ciò che scrivono i “Protocolli dei Savi di Sion”», documento che Padre Kolbe chiamava: “Il libro davvero fondamentale della Massoneria”.
Il Santo scrive: «Il protocollo n.11 afferma: “Noi creeremo e metteremo in atto le Leggi e i Governi (…) e, al momento opportuno, (…) sotto forma di rivolta nazionale. (…).è necessario che le popolazioni, sconcertate dall’avvenuta rivolta, poste ancora sotto l’influenza del terrore e dell’incertezza, comprendano che siamo talmente forti, talmente intoccabili, talmente pieni di potere che in nessun caso terremo conto delle loro opinioni e dei loro desideri, ma, anzi, siamo in grado di schiacciare le loro manifestazioni in ogni momento e in ogni luogo (…). Allora, per paura, chiuderanno gli occhi e rimarranno in attesa delle conseguenze. (…). A quale scopo abbiamo ideato e imposto ai massoni tutta questa politica, senza dare ad essi la possibilità di esaminarne il contenuto? Questo è servito di fondamento per la nostra organizzazione massonica segreta (…) la cui esistenza neppure sospettano queste “bestie” da noi adescate nelle logge massoniche».
Padre Kolbe, a questo punto, si rivolge ai massoni dicendo: «Avete sentito, signori massoni? Coloro che vi hanno organizzato e vi dirigono segretamente, gli ebrei, vi considerano delle bestie, attirate nelle logge massoniche per scopi che voi neppure sospettate (…). Ma sapete, signori massoni, che cosa vi attende il giorno in cui vi verrà in mente di incominciare a pensare da soli? Ecco, ascoltate: il medesimo protocollo prosegue affermando: «La morte è l’inevitabile conclusione di ogni vita. (…). Giustizieremo i massoni in modo tale che nessuno, (…) potrà avere dei sospetti, neppure le stesse vittime: moriranno tutti nel momento in cui ce ne sarà bisogno, apparentemente per effetto di malattie comuni (…)».
E il Santo continua: «Signori massoni, voi che, recentemente, durante il Congresso di Bucarest, vi siete rallegrati del fatto che la Massoneria si sta rafforzando ovunque, riflettete e dite sinceramente: non è meglio servire il Creatore nella pace interiore (…), piuttosto che obbedire agli ordini di chi vi odia?».
San Massimiliano si rivolge, infine, ai Capi Incogniti della Massoneria con queste parole: «E a voi, piccolo manipolo di ebrei, “Savi di Sion”, che avete provocato coscientemente già tante disgrazie e ancora di più ne state preparando, a voi mi rivolgo con la domanda: quale vantaggio ne ricavate? (…). Gran cumulo di oro, di piaceri, di svaghi, di potere: tutto questo non rende ancora felice l’uomo. E se anche questo desse la felicità, quanto potrà durare? Forse una decina di anni, forse una ventina(…). E poi?… E voi, capi ebrei, che vi siete lasciati sedurre da Satana, il nemico dell’umanità, non sarebbe meglio se anche voi vi rivolgeste sinceramente a Dio?».
In un altro articolo del 1926, Padre Kolbe, sempre citando i “Protocolli dei Savi di Sion” scriveva: «Essi dicono di se stessi: “Chi o che cosa è in grado di far crollare una forza invisibile? La nostra forza è appunto di questa natura. La “Massoneria esterna” serve solo per nascondere i suoi scopi, ma il piano d’azione di questa forza sarà sempre sconosciuto alla gente».
Ma il Santo sottolinea con sottile ironia: «Noi siamo un esercito, il cui “Condottiero” vi conosce ad uno ad uno, ha osservato e osserva ogni vostra azione, ascolta ogni vostra parola, anzi… nemmeno uno dei vostri pensieri sfugge alla sua attenzione. Dite voi stessi: in tali condizioni, si può parlare di segreto nei piani, di clandestinità e di invisibilità?». E qui, Padre Kolbe rivela il nome del “Condottiero” del suo esercito: «è’ l’Immacolata, il rifugio dei peccatori, ma anche la debellatrice del serpente infernale. Ella vi schiaccerà il capo!». (Il testo è tratto da un articolo pubblicato su Chiesa viva n° 1250).

Protocolli dei Savi di Sion (prime diffusioni) – Chiesa Viva n°350

Come tutti i libri che contengono verità scottanti, questi “Protocolli dei Savi di Sion” continuano, ancora oggi, a suscitare polemiche e reazioni, anche incontrollabili. Ma non tutte inutili. La storia è storia, né vale coprirla o deformarla!
La prima edizione, quasi clandestina, dei “Protocolli dei Savi di Sion” fu conosciuta nel 1905, a cura dei prof. Sergio NyIus. Era in lingua russa. Sul frontespizio portava la scritta: “Il grande nel piccolo, e l’Anticristo come possibilità immediata di governo”. Ma era già una seconda edizione, corretta e accresciuta da Tsarkoie-Sélo.
L’opera comprendeva anche molte appendici, tra cui la XII dal titolo “I Protocolli dei Savi di Sion”, 1902-1903, r.r. la si può ancora vedere nella Biblioteca dei “British Museum” di Londra, con registrazione del 10 agosto 1906, sotto il N. 3926/D/17.
Comunque, fino alla “Grande Guerra” del 1915-18, i “Protocolli” furono quasi ignorati da tutti. Fu solo alla fine del 1919 che essi attirarono l’attenzione, quando cioè apparvero in brossura, parte in tedesco e parte in inglese, riportando – come spiegarono i traduttori e gli editori – i processi verbali delle riunioni segrete tenute al Congresso sionista, svoltosi a Bále nel 1897, sotto la presidenza di Teodoro Herzl, uno scrivano ebreo ungherese (1860-1904), promotore del Sionismo.
Poi, quando nel 1920, i “Protocolli” furono tradotti e diffusi in America del Nord e correlativamente in Inghilterra, cominciarono a dar fastidio. La prima edizione inglese, infatti, apparsa a Londra col titolo: “The Jewish Peril, Protocol of the Learned Elders of Zion” (= Il pericolo giudeo: I Protocolli dei Savi di Sion), attirò subito l’attenzione del “Times”, che prese posizione sul suo numero dell’8 maggio 1920. Tra l’altro, scriveva: «Il “Times” non ha ancora analizzato questo curioso piccolo libro. Ma la sua diffusione aumenta sempre più; la sua lettura è fatta per inquietare coloro che sanno riflettere. Sottolineiamo che certi tratti essenziali del preteso programma giudeo offre una analogia sconcertante con gli avvenimenti attuali (…). Che cosa sono, in realtà, questi Protocolli? Sono essi autentici? E se sì, questi piani, quale malevole Assembleahanno mai forgiato? Si tratta di un falso? Se sì, come spiegare questa nota profetica e lugubre, queste predizioni che sono già in parte realizzate e altre in corso di realizzazione?..E queste questioni non possono essere eluse con una semplice alzata di spalle… Ci vuole un’inchiesta imparziale… Se si giudica sul testo, si deve dire che i Protocolli sono stati scritti da Giudei e per Giudei».
Una tale “Inchiesta imparziale” fu fatta dagli stessi Giudei. Nel 1920, infatti, apparvero tre articoli di giornale che volevano dare l’impressione che gli Autori avevano lavorato indipendentemente gli uni dagli altri, e furono dati alle stampe in tre Paesi diversi.
Il 25 febbraio 1921, il “The American Hebrew” (= L’Ebreo Americano) di New York, pubblicava un’intervista che l’ex-principessa Catherine Radziwill (nata nel 1858) aveva accordato all’amministratore di questo giornale e al Rabbino di New York, lsaac Landmann. In questa intervista, l’ex-principessa dichiarò che i Protocolli erano stati redatti dopo la guerra russo-giapponese (1904-1905) e dopo l’avvio della prima rivoluzione russa del 1905, dal Consigliere di Stato Pierre J. Ratchkovsky, capo della polizia segreta russa a Parigi, in collaborazione con un suo agente, Mathieu Golovinsky. Quest’ultimo aveva mostrato il manoscritto, che stava per terminare, nei giorni del suo passaggio a Parigi, nell’inverno 1905. I centri conservatori russi contavano, con questo scritto, di scuotere lo Zar Nicola lI contro gli ebrei.
Quale fede dare a questo manoscritto? L’ex-principessa Radziwill, per provare che ella stessa aveva visto il manoscritto, precisò, nell’intervista, che sulla prima pagina c’era una macchia di inchiostro azzurro.
Il secondo articolo è del conte Armand du Chayla, francese. Lo fece subito dopo una seconda edizione che apparve il 12 e il 13 maggio 1921 su un giornale russo, “Posledain Nevosti”, con un sotto-titolo in francese: “Dernières Nouvelles”, in cui l’Autore racconta che Nylus, che lui aveva visto in Russia nel 1905, gli aveva fatto vedere il manoscritto, asserendo d’averlo avuto dalla sua compagna Natali Afamassievna Komarovsky alla quale Ratchovsky l’aveva dato, a Parigi. E per rendere più credibile questo suo racconto, du Chayla scrisse che sul manoscritto c’era proprio quella macchia d’inchiostro blu. Oggi, questo non lo si ritiene vero. Un’inesattezza, questa, che oggi non è accettata, ma che l’Autore dell’articolo metteva in consonanza con la dichiarazione della ex-principessa Radziwill.
Il terzo articolo è di un giornalista inglese, Philip Grawes. Lo scrisse sul “Times”, sui numeri dei 16, 17 e 18 agosto, 1921. In questo articolo, l’Autore rivela che, durante un suo soggiorno a Costantinopoli, aveva acquistato da un rifugiato russo il libro del rivoluzionario Maurice Joly, apparso nel 1864, sotto il titolo “Dialogue aux Enfers entre Machiavel et Montesquieu”; un libro, che da un esame approfondito, gli aveva dimostrato che l’Autore dei “Protocolli” aveva largamente attinto da quest’opera.
Ora: questi tre articoli abbondano di false dichiarazioni! Il testo è tratto da un articolo pubblicato su “Chiesa viva”, n° 179. articoli dell’ex principessa Catherine Radziwill, del conte Armand du Chayla e di Philip Grawes sui Protocolli dei Savi di Sion (Chiesa Viva n°351)

1° Articolo dell’ex principessa Catherine Radziwill
Nel suo articolo del 25 febbraio 1921, affermando che “i Protocolli erano stati redatti dopo la guerra russo-giapponese (1904-1905) e dopo l’avvio della prima rivoluzione russa del 1905, dal Consigliere di Stato Pierre Ivanovich Ratchkovsky, capo della polizia segreta russa a Parigi, in collaborazione con un suo agente, Mathieu Golovinsky”, l’ex principessa Radziwill aveva usato un po’ d’immaginazione!
– Nel 1895, infatti, i “Protocolli” erano già nelle mani di Soukhotine e di Stepanoff;
– nel 1901, erano già in possesso di Nylus1;
– nel 1913, erano già stati pubblicati nel giornale “Znamia” (= Lo Stendardo);
– il Consigliere di Stato Ratchovsky non era più al suo posto fin dal 1902, e aveva anche lasciato Parigi, definitivamente, per fissarsi in Russia, fino alla sua morte, che avvenne nel 1910. Quindi, nel 1905 non era più a Parigi;
– è stato provato, documenti alla mano, che Ratchkovsky non ebbe mai sotto di sé un agente di nome Golovinsky.
Impossibile, quindi, che i “Protocolli” fossero stati scritti nel 1905.
Durante il processo di Berna (1933-37), venne dimostrato dall’esperto svizzero Fleischauer, che l’ex-principessa Radziwill era una notoria intrigante, una avventuriera, condannata persino dal Tribunale dei Cap a 18 mesi di reclusione per falsificazione di cambiali!

2° Articolo del conte Armand du Chayla
Anche lo scritto del conte du Chayla è molto inesatto quando afferma che Nylus, che lui aveva visto in Russia nel 1905, gli aveva fatto vedere il manoscritto, asserendo d’averlo avuto dalla sua compagna Natali Afamassievna Komarovsky, alla quale Ratchkovsky l’aveva dato, a Parigi. Infatti:
– Esiste una dichiarazione, scritta dal figlio di Nylus, che egli era un figlio illegittimo, nato nel 1883 e riconosciuto nel 1895, di Serguei A. Nylus e di una sua cugina e compagna Natalia Afamssievna Volodimeroff, nata Metveieff (1845-1934), e che non fu mai chiamato Komarovsky;
– Egli affermò che i suoi genitori non furono in Francia che due volte, e brevemente, negli anni 1883 e 1894, né furono mai in relazione con Ratchkovsky;
– Egli affermò che il manoscritto dei “Protocolli”, che Chayla disse di aver veduto nel 1909, era nelle mani dei figlio di Nylus dal 1901, dopo la visita di Soukhotine;
– Egli affermò che sul manoscritto dei “Protocolli”, non vi era alcuna macchia d’inchiostro bleu;
– Infine, Nylus rifiuta ogni affermazione del conte du Chayla, tanto che, nella sua dichiarazione fatta al Tribunale di Berna, lo chiama: “bugiardo perfetto” e “calunniatore”.
– Sempre al processo di Berna (1933-37) venne dimostrato dall’esperto svizzero Fleischauer che il conte du Chayla, nel 1920, era stato capo della propaganda nell’armata Wrangel, ma che fu ben presto smasche- rato come agente segreto bolscevico e vergognosamente espulso dall’armata. E che se non fu condannato a morte per alto tradimento, questo lo si dovette solo all’intervento dell’Ambasciatore di Francia!

3° Articolo di Philip Grawes
Il terzo articolo di Philip Grawes non ha di esatto altro che l’Autore dei “Protocolli” s’è abbondantemente ispirato al libro di Joly – una satira sul governo dittatoriale di Napoleo-ne III, un’opera che gli Autori dei “Protocolli” hanno testualmente plagiato.
Ora, come scriveva il “Times”, si tratta di sapere se i Protocolli sono stati redatti da un giudeo per dei giudei, per cui, il fatto che Philip Grawes abbia plagiato un’altra opera, è senza alcuna importanza se si vuol sapere se si tratta di un programma autenticamente giudeo o, al contrario, se si tratta di una invenzione anti-giudea.
Ora, questa ipotesi non fu mai provata dalla cricca giudaica.
Tutti i tentativi di accusare il Consigliere di Stato Pierre Ivanovich Ratchkovsky, o la polizia russa in generale, di aver creato un documento falso, sono caduti miseramente, poiché il carattere menzognero di questi soli testimoni (giudei) – l’ex-principessa Radziwill e il conte du Chayla – è stato ampiamente riconosciuto!
1 Da sottolineare che Serguei A. NyIus era un massone. Fu iniziato da Teodoro Herzl. In seguito, si convertì per influsso di P. G. Cronstadt. (Il testo è tratto da un articolo pubblicato su Chiesa viva n° 125).

IL GRANDE PROCESSO DI BERNA sull’autenticità dei “Protocolli”

Passaronoben 12 anni prima che il Giudaismo tentasse a far constatare la falsità dei Protocolli dalla Giustizia. Difatti, fu il 26 giugno 1933 che la “Ligue Israélite Suisse”, in unione con la comunità israelita di Berna, fece querela, presso il Tribunale Cantonale di Berna, domandando che la brochure delle Edizioni Hammer, “Les Protocoles Sionistes”, fosse relegata tra la letteratura sovversiva e che ne fosse interdetta la diffusione. Questa querela faceva perno sull’articolo 14 della “Loi relative aux films et aux mesures contre la littérerature subversive” del 10 settembre 1916, valevole per il Canton di Berna.
Questa legge affermava: «… l’impressione e la diffusione di scritti sovversivi, in particolare d’opere di cui la forma e il testo sono di natura tali da eccitare il crimine, o suscettibili di mettere in pericolo i buoni costumi, di offendere il pudore, di esercitare un effetto brutale o di provocare altri scandali, sono interdetti».
Appellandosi a questo testo, cinque svizzeri furono accusati di aver distribuito la brochure in questione. Tra questi c’erano: il musico Silvio Schnell e l’architetto Theodor Fischer.
La prima udienza del processo, il 16 novembre 1933, presieduta dal Tribunale Walter Weyer, gli avvocati dei querelanti ebrei richiesero una expertise sull’autenticità dei “Protocolli”. L’avvocato dei querelati, invece, si oppose alla domanda perché il fare una expertise non rientrava nello spirito della legge, né era prevista da essa per un presunto scritto sovversivo, mentre si trattava solo di decidere se il testo, autentico o no, violasse tale legge.
Il giudice, però, ordinò l’expertise e nominò come esperti il professore d’università A. Baungarten, di Bâle, su domanda dei querelanti, e il pastore giubilato L. Munchmeyer, d’Oldenburg, su domanda dei querelati. Ad esperto principale fu nominato lo scrittore “pro Juif”, C. A. Loosli, di Berne-Bûmplitz.
Le “conclusioni” dei due esperti svizzeri furono deposte presso il Tribunale nell’ottobre 1934. Da notare: gli accusati si trovarono senza esperto, perché Munchmeyer si era rifiutato di accettare.
La seconda udienza del processo si tenne dal 29 al 31 ottobre 1934. I querelanti comparvero in Tribunale con 15 testimoni, in gran parte giudei e russi, mentre invece gli accusati non citarono che un solo testimone, lo scrittore Dr. Alfred Zander, di Zurigo.
Dopo aver ascoltato i testimoni della parte contraria, il cui punto di vista, giuridicamente esatto, che l’autenticità del testo non era in causa, e che, quindi, era evidente la non esattezza della causa principale, il giudice fu costretto a mettere in libertà gli accusati e di citare ancora un esperto e altri testimoni per aggiornare meglio il processo.
Su richiesta dell’avvocato degli accusati, il tenente colonnello in pensione Ultrich Fleischauer, direttore del “Welt Dienst” (Servise Mondial) a Erfurt, fu citato come esperto il 6 novembre 1934. Dall’altra parte, l’avvocato degli accusati aveva proposto di procedere, nello stesso tempo, alla citazione di una quarantina di testimoni.
Il 15 gennaio 1935, Fleischauer presentò la sua perizia.
In essa viene dimostrato che i Giudei e i loro testimoni non avevano alcuna prova valevole che i “Protocolli” erano un falso, e che tutte le circostanze erano in favore dell’autenticità di tale documento, e di una prova talmente evidente e probante che il giudice, sotto pressione evidente della cricca giudaica, fu obbligato a ritirare alla difesa la possibilità di un’altra argomentazione più dettagliata; non solo, ma il giudice si rifiutò di ascoltare le testimonianze dei quaranta testimoni che l’avvocato degli accusati aveva proposti.
La terza udienza fu tenuta dal 29 aprile al 14 maggio 1935, durante la quale i tre esperti deposero, oralmente, le loro conclusioni. I due esperti svizzeri, da autentici giudei, difesero la tesi del “falso”, senza alcuna riserva, dando come sicuro che i “Protocolli” non erano altro che un plagio dei libro di Joly, e che questo risultava anche dalle dichiarazioni dell’ex-principessa Radzwill e del conte du Chayla e che l’opera era stata fabbricata con pezzi tolti da Ratchkovsky con lo scopo di calunniare la razza giudaica. E benché le date, fornite dall’ex-principessa, fossero incontestabilmente sbagliate, Baumgarten parlò di smarrimenti di memorie, mentre Loosli aveva deliberatamente commesso un falso, là dove citava, nel suo rapporto scritto sulle dichiarazioni dell’ex -principessa Radziwill, l’anno 1895 invece del 1905, senza che il Tribunale avesse avuto comunicazione di questa modifica. Interrogato più tardi, Loosli dichiarò che la data 1905 era stata un errore di stampa, sfuggito ad un giornale americano, che lui, poi, aveva fatto rettificare. I due esperti passarono sotto silenzio l’allusione dell’ex-principessa Radziwill sulla guerra russo-giapponese, come pure tacquero sulla rivoluzione russa del 1905, precisazioni che escludono l’ipotesi avanzata da loro sulla mancanza di memoria e sull’errore di stampa.
Nota: il testo è tratto da un articolo pubblicato su Chiesa viva n° 179.
La cricca giudaica aveva voluto provare la “non-autenticità” dei “Protocolli” – Chiesa Viva n°353

Comunque, l’avvocato degli accusati, Fleischauer, rifiutò il rapporto dei due esperti svizzeri della parte avversa, dimostrando, in particolare, che l’ex-principessa Radziwill era una notoria intrigante, un’avventuriera condannata persino dal Tribunale dei Cap a 18 mesi di reclusione per falsificazione di cambiali. Quindi, le sue dichiarazioni distorte, sull’origine dei “Protocolli”, – insisté Fleischeauer non potevano servire di base per argomentazioni giuridiche. Quanto al conte du Chayla – continuò Fleischauer – nel 1920 era stato capo della propaganda nell’armata Wrangel, ma che fu ben presto smascherato come agente segreto bolscevico e vergognosamente espulso dall’armata. E che se non fu condannato a morte per alto tradimento, questo lo fu solo per l’intervento dell’Ambasciatore di Francia!
Tutto questo, per un Tribunale veramente imparziale, sarebbe stato più che sufficiente per mettere in dubbio e la testimonianza dell’ex-principessa e quella dei conte du Chayla. Invece, no! Il giudice di Berna non tenne in alcun conto gli argomenti di Fleischauer, tacciandoli di elucubrazioni ispirate al suo anti-giudaismo per partito preso.
E così, con la sua sentenza, che emise il 14 maggio 1935, il giudice Walter Weyer condannò gli accusati Silvio Schnell e Theodor Fischer ad una ammenda di 20 e di 50 franchi e ad un pagamento di spese giudiziarie di 32.270 franchi; il primo, Schnell, per la diffusione del libro dei Protocolli; il secondo, Fischer per la pubblicità che era stata fatta di questo libro sul suo giornale “Der Eidgenosse” (= Le Confédéré), e anche per un articolo chiaramente anti-giudeo. Gli altri tre accusati, invece, furono assolti.
Nel suo verdetto, il giudice dichiarò testualmente: «Que les Protocoles sont une falsification et un plagiat et tombent sous le coup de l’articie 14 de la loi».
La cricca giudaica esultò! Il fine era stato raggiunto: un tribunale svizzero aveva dichiarato “falsi” i Protocolli!
Naturalmente, Schnell e Fischer ricorsero in Appello, e questo avvenne il 27 ottobre 1937 davanti alla “Chambre Correctionelle” de la Cour d’Appel de Berne.
La difesa domandò, per prima cosa, la cessazione del giudizio e il rinvio della faccenda davanti al Tribunale di prima istanza; poi, l’assoluzione completa degli accusati.
Il ricorso in Cassazione era legalmente promovibile per il fatto che il giudice non aveva fatto redigere il processo-verbale della disposizione dei testimoni mediante stenografi sotto giuramento, ma da stenografi privati, al soldo dei giudei accusatori, violando così il regolamento della procedura. Inoltre, aveva omesso di esigere la firma dei testimoni. Come motivo-supplementare di Cassazione si fece valere che nessuno dei documenti presentati dall’esperto Loosli, e che lui se li era procurati attraverso il Governo Sovietico, non erano stati legalizzati né certificati conforme all’originale, come pure le traduzioni fatte dal procuratore legale Dr. Lifschtz di Berna, le quali presentavano dei controsensi e delle omissioni.
Lo stesso Procuratore fu obbligato ad ammettere questi errori di procedura. Il Tribunale, nonostante tutto, rigettò il ricorso in Cassazione, dichiarando che non c’erano stati vizi di forma reprensibili, così che la revisione di questo processo costoso era superfluo.
La sentenza fu resa pubblica il 1° novembre 1937. l due accusati furono prosciolti. L’accusato Fischer fu condannato solo a un’ammenda come contributo alle spese di Stato per un articolo di giornale: “Jeunes filles suisses, méfiez-vous de satyres juifs!”.
Nella “motivazione” del giudice, il Presidente Peter dimostrò che la legge sugli scritti sovversivi non prevedeva alcuna ordinanza di una “expertise”, e che questa non doveva essere ordinata. Il giudice del Tribunale di prima istanza avrebbe dovuto semplicemente decidere se il testo della “brochure” violava la legge, ma non se esso era autentico o no!
Inoltre: la brochure non poteva essere qualificata come scritto sovversivo, perché essa non aveva alcun carattere immorale e non eccitava affatto al crimine. E, in quanto era solo uno scritto politico, esso doveva usufruire della libertà di stampa!
Chiaro. Indipendentemente da questo, comunque, si volle provare che l’esperto Loosli era “parziale” e “influenzato”.
Il processo era durato più di quattro anni. La cricca giudaica aveva voluto provare la “non-autenticità” dei Protocolli con l’aiuto di false testimonanze, con l’eliminazione di tutti i testi scomodi, con la redazione, mediante stenografi privati, dei processi-verbali dei dibattiti, e utilizzando delle pezze giustificative non legalizzate, delle traduzioni erronee e delle perizie tendenziose. E grazie a un giudice, membro del Partito marxista, la cricca giudaica riuscì, in prima istanza, abusando di una legge che non era applicabile comunque al caso, a far dichiarare che i “Protocolli” erano un “falso”.
Ma il trionfo durò poco: la Corte d’Appello annullò la sentenza! (Il testo è tratto da un articolo pubblicato su Chiesa viva n° 179).

AUTENTICITA’ DEI “PROTOCOLLI DEI SAVI DI SION” – Chiesa Viva n°354

Il finale, dunque, del processo di Berna era terminato con uno scacco totale delle intenzioni perverse della cricca giudaica. I “Protocolli” resteranno un documento che, grazie proprio a questo processo, sarà riconosciuto più che autentico e che il giudaismo, pur di rigettare tale autenticità, non aveva trovato di meglio che di incitare un magistrato ad emettere un giudizio erroneo, appoggiandosi, per di più, su di un articolo non applicabile della legge, violando la stessa procedura e utilizzando dei dati inesatti.
Negli scritti antisemiti si è fatto spesso valere – e questo per dimostrare l’autenticità dei Protocolli – che la politica giudaica vien fatta, su tutta la linea, secondo le direttive e i princìpi che vi si trovano enunciati in questo libro dei “Protocolli”. E questa coincidenza è servita come punto di partenza per numerose pubblicazioni.
Alfred Rosenberger ne ha fatto uno studio assai approfondito in uno suo libro: “Les Protocoles des Sages et la Politique Mondiale juive”. Si legga questa sua conclusione ineccepibile: «Le tesi e i documenti che noi stiamo per citare non lasciano sussistere neppure il più piccolo dubbio sull’analogia di pensiero che esiste tra i “Protocolli” e gli altri scritti giudaici. La politica attuale è conforme, in tutti i suoi dettagli, alle citazioni e ai piani conosciuti ed esposti nei Protocolli».
Le tesi dei Protocolli, del resto, concordano perfettamente con certi testi dei Profeti d’Israele, là dove parlano di una egemonia mondiale per Israele; e lo stesso dicasi per la concordanza perfetta con la dottrina dei Talmudisti e quella dei Cabalisti.
La loro autenticità, poi, fu riconosciuta anche da altri giudei, come, ad esempio, dallo scrittore austriaco Arthur Trebitsch, giudeo al cento per cento, ma di tendenze di forte antisemitismo. Nella sua opera principale: “L’Esprit allemand ou le Judaisme” (Vienna, 1921), sui Protocolli egli scrive che la loro esistenza gli era stata rivelata dalla brochure di Beck: «Non si può avere il menomo dubbio sull’autenticità del testo del libro “Les Sages de Sion”. Colui che, come l’Autore (i. e . Trebitsch) ha saputo presentire nei fini e le intenzioni di tutta la nostra vita economica, politica e spirituale, le idee esposte in questi documenti segreti, può garantire con certezza che si tratta indubbiamente di dichiarazioni autentiche che portano l’impronta dello spirito strisciante dei Giudei che aspirano all’egemonia del mondo; così autentiche e così vere che mai alcun cervello ariano – anche se l’odio antisemitico lo spingesse alla falsificazione e alla calunnia – sarebbe mai stato capace di concepire, in alcun modo, questi metodi di lotta, questi piani, queste astuzie e queste frodi». (p. 74).
L’aspetto più interessante, circa l’autenticità dei “Protocolli”, è che questi sono quasi una copia identica di un altro documento che risale al 1773, un documento che si pone lo stesso fine di dominio mondiale ebraico e che ricalca i metodi di lotta, di astuzie e di frodi che si trovano nei “Protocolli”.
Secondo Guy Carr, in “Servant”, 27 s, i Protocolli risalirebbero a oltre un secolo prima delle deliberazioni del Congresso di Bále (1897). «Le mie ricerche personali – scrive – mi hanno portato a pensare che i documenti pubblicati in Russia nel 1905 dal prof. Nylus, sotto il titolo “Il pericolo ebraico”, e da M. Mardsen in Inghilterra, nel 1921, sotto quello di “Protocollì dei Savi di Sion”, sono il “piano” a lunga scadenza degli Illuminati, quello che era spiegato da Mayer Amschel Rothschild ai suoi soci nel 1773 a Francoforte. Rothschild non si rivolgeva a dei rabbini o anziani; egli parlava a banchieri, industriali, uomini di scienza, economisti, ecc. Perciò, non è giusto imputare questa cospirazione diabolica e criminale a tutto il popolo ebreo e ai suoi capi religiosi».
Il Virion, nel suo studio: “Presto un governo mondiale”, documentatissimo, le cui affermazioni non sono state mai state né smentite né attaccate, scrive: «Il temporalismo ebraico… vagliato dai millenni,continuamente messo a punto secondo l’evoluzione e l’apressarsi della fine… “I Protocolli dei Savi di Sion” sono una di quelle rimesse a punto, parallela all’elaborazione del piano sinarchico… i “Protocolli” fanno parte di un tutto, ma parte essenziale, emanante dalle potenze ebraiche, ove la Kabala ha più credito che l’Antico Testamento» (Virion, 235).

LA “DOTTRINA DEL TERRORE” di Amschel Mayer Rothschild,

Anno 1773. Poco prima di presentare il suo piano, in 25 punti, per “dominare le ricchezze, le risorse naturali e la forza lavoro di tutto il mondo”, Amschel Mayer Rothschild, ai suoi dodici ascoltatori, svelò «come la Rivoluzione Inglese (1640-60) fosse stata organizzata e mise in risalto gli errori che erano stati commessi: il periodo rivoluzionario era stato troppo lungo, l’eliminazione dei reazionari non era stata eseguita con sufficiente rapidità e spietatezza e il programmato “regno del terrore”, col quale si doveva ottenere la rapida sottomissione delle masse, non era stato messo in pratica in modo efficace. Malgrado questi errori, i banchieri, che avevano istigato la rivoluzione, avevano stabilito il loro controllo sull’economia e sul debito pubblico inglese».
Rothschild mostrò che questi risultati finanziari non erano da paragonare a quelli che si potevano ottenere con la Rivoluzione francese, a condizione che i presenti si unissero per mettere in pratica il Piano rivoluzionario che egli aveva studiato e aggiornato con grande cura.
Ecco la “dottrina del terrore” contenuta in questo Piano.
«Il miglior risultato che si può ottenere, nel governare gli uomini, può essere raggiunto solo con l’uso della violenza e del terrorismo… La Legge è un mascheramento della forza. Per le leggi della Natura, il Diritto si fonda sulla forza».
«La nostra politica deve essere quella di fomentare le guerre, per sprofondare sempre di più le nazioni nel loro debito, e di dirigere le Conferenze di Pace».
«Il “nostro Stato”, marciando lungo la strada della conquista pacifica, ha il diritto di rimpiazzare gli orrori delle guerre con le meno evidenti, ma più efficaci sentenze di morte, necessarie a mantenere il “regno del terrore” che genera la cieca sottomissione».
«Grazie alla nostra stampa, noi abbiamo ottenuto l’oro nelle nostre mani, nonostante il fatto che noi abbiamo dovuto raccoglierlo da oceani di lacrime e sangue».
«Quando le condizioni rivoluzionarie giungeranno al punto più basso, e le masse, già soggiogate con le privazioni e col terrore, i nostri agenti dovranno apparire in scena, ma solo dopo che essi hanno portato a termine il nostro pianificato “regno del terrore”. Mettendo a morte questi nostri agenti, noi appariremo come i salvatori degli oppressi, mentre invece noi siamo interessati proprio all’opposto, e cioè alla riduzione e all’uccisione dei Goym (cristiani)».
«Noi provocheremo la depressione industriale e il panico finaziario. La disoccupazione e la fame, imposte alle masse, creerà il diritto del capitale di regnare in modo più sicuro».
«Il “regno del terrore” dovrà accompagnare ogni sforzo rivoluzionario, perchè questo è il mezzo più economico per portare la popolazione ad una rapida sottomissione».
«Creeremo monopoli immensi e riserve di tale ricchezza colossale che persino le ricchezze più grandi dei Goym (cristiani) dipenderanno da noi in tale misura che essi raggiungeranno il fondo insieme al credito dei loro Governi, il giorno dopo la GRANDE CATASTROFE POLITICA».
«Spoglieremo i Goym delle loro proprietà terriere e industriali con una combinazione di tasse e concorrenza sleale e li porteremo alla rovina economica nei loro interessi finanziari nazionali e nei loro investimenti».
«Gli aumenti salariali, ottenuti dai lavoratori, non dovranno beneficiarli in alcun modo».
«Lanceremo una corsa agli armamenti in modo che i Goym si possano distruggere a vicenda, su scala colossale e, alla fine, nel mondo, non rimarranno altro che masse di proletariato con pochi milionari devoti alla nostra causa, con forze militari e di polizia sufficienti a proteggere i nostri interessi».
«I nostri agenti dovranno infiltrarsi in tutte le classi, a tutti i livelli della società e del Governo, per raggirare, confondere e corrompere i più giovani della società, insegnando loro teorie e principi che noi sappiamo essere falsi».
«I Governi dell’Occidente non potranno sollevarsi contro di noi, perché, noi creremo, nelle capitali e nelle città di tutti i paesi, un’organizzazione di un tale TERRORE TERRIFICANTE da far tremare anche i cuori più gagliardi».
(
Tratto da: http://www.chiesaviva.com/conoscere%20massoneria.htm)

La massoneria è un nemico della Chiesa; nasce con questa inimicizia e persegue la realizzazione di questa inimicizia con la distruzione della Chiesa e della civiltà cristiana e con la sostituzione a esse di una cultura e di una società sostanzialmente ateistiche, anche quando si fa riferimento all’architetto dell’universo. (…) …non è la Chiesa ad essere antimoderna, ma è la modernità a essere antiecclesiale. La modernità è antiecclesiale, e il punto di attacco massimo all’ecclesialità è proprio rappresentato dalla massoneria che, in quanto elemento segretamente connotato e dinamicamente lanciato alla creazione di una civiltà alternativa a quella che nasce dalla fede, rappresenta, a mio modo di vedere, l’elemento radicale della modernità” (Mons. Luigi Negri, Vescovo di San Marino-Montefeltro)

 ————————-o0o————————–

 La massoneria contro la chiesa

di Padre Giovanni Cavalcoli

ESTRATTO

Fonte web

(….) Il progetto massonico contro la Chiesa sembra oggi consistere nel tentativo sistematico di ridurre la Chiesa da società che si pretende “soprannaturale”, “di fede”, fondata su di una rivelazione divina e su energie “soprannaturali” ad una società semplicemente umana, solidaristica e filantropica, sotto il totale controllo dello Stato, con ideali di semplice giustizia umana, di onestà naturale, di terrena convivenza pacifica, di progresso culturale e filosofico, fondata sulla sola religione naturale, circoscritta nell ‘ambito dell’etica naturale, personale, sociale e politica, rispettosa dei diritti umani , tollerante e aperta al dialogo con tutti, senza pretesa di possedere verità divine ed assolute (i “dogmi”)
o di essere, in nome di Dio, guida dell’intera umanità verso la felicità. Infatti, questo ruolo la Massoneria lo attribuisce a se stessa.

L’infiltrazione nella Chiesa?

Il piano massonico sembra oggi non quello di un laicismo sboccato, plateale e grossolano, quanto piuttosto la prospettiva di infiltrarsi tra il clero, i religiosi, i teologi e la stessa Gerarchia o quanto meno di influire sulle loro idee, convincendoli di quell’immagine di Chiesa che ho descritto sopra.

Il laicismo plateale e volgare serve solo alla Massoneria per dare alla Chiesa l’illusione di avere un nemico esterno da combattere (per esempio la questione delle “sette”), distogliendo la sua attenzione dai nemici interni, che son ben più pericolosi , come già faceva notare S. Pio X nella famosa enciclica “Pascendi” a proposito dei modernisti, i quali oggi come ieri e più di ieri sono ottimi veicoli dell’infiltrazione massonica all’interno della Chiesa, soprattutto i rahneriani, come ha fatto notare di recente in una persuasiva esposizione il Padre Paolo Siano in un convegno internazionale su Rahner organizzato a Firenze il 22 -23 novembre scorso dai Francescani dell ‘ Immacolata.

Svuotamento all’interno

Il piano massonico di distruzione della Chiesa sembra comportare un suo svuotamento dall’interno, mantenendo pressoché inalterato l’apparato, le strutture e i comportamenti esterni, il linguaggio, i riti, i luoghi e le memorie storiche: operazione tipica dell’ipocrisia, come già dice Jahvè per mezzo del profeta: “Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me”. In particolare, un Rahner, per esempio, è abilissimo nel conservare pressoché inalterato il linguaggio cattolico, salvo poi a dare alle parole significati immanentistici, gnostici, idealisti, kantiani, heideggeriani o quant’altro.

Invece di mantenere i concetti mutando eventualmente i termini che li esprimono (questo è il vero insegnamento del Concilio) , si mutano i concetti mantenendo le stesse parole (questo è il metodo dei modernisti). Così per esempio si continua a parlare di “Dio”, della “verità”, della “libertà”, della “fede”, della “carità”, della “grazia”, del “soprannaturale”, della “persona”, della “Chiesa” e via discorrendo, ma il significato non è più quello cattolico.

Abbandono delle verità assolute

Ma questo ancora non basta: il piano di distruzione prevede anche la soppressione di parole che non si riesce a riciclare, come per esempio “predestinazione”, “eletto”, “purgatorio”, “inferno”, “merito”, “premio”, “castigo”, “transustanziazione”, “espiazione”, “riparazione”, “immolazione”, “ascetica” e così via.
Un metodo di questa infiltrazione è la conquista di posti di rezionali nella Chiesa e di infrastrutture, come ambienti religiosi , case editrici , mezzi di comunicazione, tecnici e finanziari, scuole e istituti accademlCl, organizzazione burocratica, opere parrocchiali e diocesane.
Questa penetrazione awiene in fo rma morbida e felpata ma del tutto determinata e sistematica, senza dar nell’occhio e dando mostra di atteggiamenti liberali e tolleranti; ma mano a mano che il potere viene conquistato, si fa sentire sempre più pesante la prepotenza su coloro che restano fedeli alla Chiesa, col ricorso alla calunnia, alla denigrazione, all’emarginazione, all’intimidazione, alle minacce, all’esclusione da funzioni dirigenziali o di governo, nonostante i meriti acquisiti.

Verso una Chiesa deformata

Un altro aspetto di questa subdola penetrazione massonica nella Chiesa è dato dal fatto di riuscire ad agire mascherata, senza rivelare apertamente il suo piano, anzi smentendo con sdegno ogni sospetto in tal senso, e ciò è logico dal suo punto di vista, al fine di poter ingannare meglio gli ingenui.
In tal modo essa si serve di ecclesiastici deviati soprattutto dal neomodernismo, i quali agiscono con estrema prudenza ed abilità in quest’opera di sistematica deformazione della Chiesa, che, nelle intenzioni finali di questo diabolico proposito, dovrebbe comportare la sua distruzione come società soprannaturale e la sua riduzione a entità meramente sociologica, onde poter essere pienamente dominata e controllata dai poteri pubblici e dallo Stato, da uno Stato peraltro che si erige a fonte assoluta della legge e del diritto secondo il tradizionale schema totalitario, ben descritto da Mons. Luigi Negri in un suo bel libro (Ripensare la modernità, Editrice Cantagalli, Siena 2003).

In quest’opera di demolizione vien posta ogni cura per evitare il sorgere di contrasti o conflitti aperti, soprattutto su grande scala, onde dare l’apparenza che tutto vada normalmente e si proceda pacificamente, nel rispetto delle opinioni di tutti. Le autorità compromesse con la Massoneria non ricorrono mai o rara mente a sanzioni canoniche, anche perché non ne avrebbero i motivi giuridici, ma si sforzano per quanto possibile di intervenire senza troppa pubblicità, per conservare la nomea di spiriti magnanimi e comprensivi, rispettosi degli avversari.

Criminali e potere

Non giungono alla spudoratezza di falsificare processi canonici (almeno sembra), ma trovano ugualmente il modo di frenare l’azione dei veri cattolici con sleali ed abominevoli metodi psicologici basati, come ho detto, sulla calunnia, l’intimidazione e la prepotenza.

Questi criminali – nel senso preciso usato dal diritto canonico – riescono tuttora a dominare ed abbindolare larghi strati del popolo di Dio intontiti dalle loro imposture o disposti a forti compromessi con lo spirito mondano; molti fedeli indubbiamente sono disorientati, sconcertati, frastornati , quasi increduli di tanta sconcezza, ma anche tra loro tende a diffondersi un’amara e disincantata rassegnazione, che a volte essi scambiano per spirito di tolleranza o apertura mentale, ma che in pratica li spinge a un cristianesimo quanto meno tiepido, non convinto e qualunquista. Nei casi estremi si giunge allo scetticismo e alla perdita totale della fede e all’abbandono dei costumi cristiani.

Gli “pseudo cattolici”

Gli infiltrati ci tengono a chiamarsi e ad essere chiamati “cattolici”, col risultato che ormai la parola ha perso ogni significato presso molti, benché in se stessa naturalmente conservi un senso preciso stabilito dal Magistero della Chiesa e dalla Tradizione. Essi si considerano cattolici nel senso “atematico” e “trascendentale”; ma dal punto di vista concettuale-dogmatico fanno le più tremende ed empie mescolanze con le ideologie più contrarie al vero cattolicesimo. Così che oggi nel “cattolicesimo” c’è tutto e il contrario di tutto, invocando magari la coincidentia oppositorum di cusaniana memoria.

Ecumenismo e Protestantesimo

Uno strumento utile della penetrazione massonica è un certo falso ecumenismo soprattutto col protestantesimo liberale tedesco, per il quale non viene rivolto ai protestanti alcun invito a rinunciare ai loro errori, ma al contrario sono i cattolici ad assumere gli errori protestanti, scambiati per i valori del cattolicesimo “critico” e “avanzato”. C’è peraltro anche la tendenza ad abbandonare il nome “cattolico” per limitarsi semplicemente all’ appellativo di “cristiano”, perché il nome “cattolico” viene considerato troppo “confessionale” e troppo poco “ecumenico”.

Il volto del cristianesimo massonico-neomodernista

Come all’ epoca del modernismo di S. Pio X, anche il modernismo massonico di oggi, ben più forte, distruttivo, abile e diffuso di quello di quei tempi, è dato da una potente e complessa organizzazione internazionale di intellettuali, ormai operante da decenni, che vede collegati tra loro in una comune collaborazione storici, letterati, archeologi, filologi, filosofi , teologi, biblisti, liturgisti, moralisti, sociologi, cineasti, operatori televisivi, scienziati e “mistici”.
È sorprendente come, al di là di circoscritti dissensi fra loro, siano riusciti a formare una specie di anti Chiesa che ha in sé una notevole coerenza interna, per cui essa tanto più fa impressione sugli sprovveduti, quanto più, essendo il parto di una tale massa di personaggi che appaiono autorevoli per il loro sapere e il loro influsso sulla gente, la concezione che essi propongono ha l’apparenza della verità.

Come il modernismo dei tempi di S. Pio X, anche questo modernismo massonico può quindi esser brevemente descritto con caratteri che hanno una certa precisione, benché gli infiltrati sostengano che il vero cristianesimo sia “atematico” e “preconcettuale”. Ma essi in realtà tirano fuori questa scusa per combattere il dogma cattolico. In realtà essi hanno dei concetti ben precisi da proporre come verità assoluta, e guai a chi li contraddice.

L’autotrascendenza

Vediamo dunque questa caricatura del cristianesimo che tanto affascina oggi i gonzi o la gente che vuoi servire due padroni. Innanzitutto la figura di Cristo. Gesù Cristo è un semplice uomo. Ma che cos’è l’uomo per costoro? È una scimmia che evolvendosi per forza interna è diventata “spirito”, che si “autotrascende” fino a diventare Dio, Dio, quindi, che non trascende l’uomo, ma che è l”’orizzonte” dell’autotrascendenza umana, sicché Dio non è Dio senza l’uomo, giacché Dio è la pienezza dell’uomo.

L’Incarnazione non comporta la distinzione di “due nature” (Calcedonia), ma il divenire uomo di Dio e il divenire Dio dell’uomo mediante la negazione di sé (Hegel). Il Logos non preesiste all’uomo Cristo, per “discendere dal cielo” (immagine mitologica), ma Cristo, uomo, diviene Dio perché l’uomo già originariamente è Dio: “Cristologia dal basso” .

Cristo, quindi, non è propriamente ed immediatamente ” Dio”; ma è meglio dire che Dio è in lui, in quanto’ Cristo è uomo che diviene Dio o che progressivamente scopre di essere Dio. Oppure si può dire che Cristo è Dio, ma in quanto l ‘uomo stesso è ultimamente Dio.

Dio come idea

Il concepire un “Dio” che è “nei cieli” è un’immagine puerile ed arcaica. Dio è immanente nella coscienza dell’uomo, dove l’essere coincide con l’essere pensato. Dio quindi non è un essere “fuori” del soggetto pensante, ma è “essere di coscienza”. Dio, come diceva Kant, è un ” Dio-Idea”.

Cristo è quell’ uomo che meglio di ogni altro ha realizzato l”’uomo”, cioè ha capito che l’uomo è Dio che nell’uomo prende coscienza di sé. Ogni uomo quindi è potenzialmente Cristo e deve diventare Cristo, ossia deve diventare pienamente uomo, il che vuol dire diventare Dio.

Cristo, quindi, salva l’uomo non con mitologiche espiazioni, ma rendendo cosciente l’ uomo di questa sua essenza divina apriorica, inconscia e preconcettuale, essenza che egli deve esplicitare e della quale deve prender coscienza appunto imitando Cristo. L’uomo diviene Dio negando se stesso. Ecco la ” morte rituale” massonica. Non l’espiazione, ma la negazione è il principio della salvezza (cf la dialettica hegeliana).

Don Gobbi, fondatore del Movimento Sacerdotale Mariano, al quale la

 Madonna ha parlato della realtà della massoneria infiltrata nella Chiesa.

Annunci