di Claudia Gagliardi

La7: polemica dell'Aiart su I Borgia da domenica 3 marzo

I Borgia non è ancora andata in onda e già scatena aspre polemiche: la singolare coincidenza temporale tra la messa in onda della serie tv e il delicato momento che la Chiesa cattolica sta attraversando dopo le dimissioni del Papa non è sfuggita all’Aiart, l’associazione dei telespettatori cattolici, che chiede il rinvio della messa in onda della serie tv in programma domenica 3 marzo su La7. La richiesta è arrivata direttamente da Luca Borgomeo, presidente dell’associazione, che ha raccolto le perplessità degli aderenti all’Aiart sull’opportunità della programmazione del telefilm.

I Borgia è stato preannunciato con un battage pubblicitario importante: il serial ha riscosso un grande successo di pubblico negli Stati Uniti, con un ottimo riscontro in termini di ascolti sul canale Showtime. A conquistare i telespettatori sono stati gli intrighi, le passioni e gli scandali di una delle famiglie più potenti e corrotte del Rinascimento italiano e il racconto dei retroscena più scabrosi del papato di Alessandro VI. Temi che oggi, secondo l’Aiart, inevitabilmente richiamano alla mente gli scandali odierni che attanagliano il Vaticano. Per questo si propone di modificare la messa in onda del telefilm, chiedendo a La7un rinvio della programmazione, anche per non dare un’immagine distorta del papato“.

I Borgia è una delle serie tv su cui La7 ha deciso di puntare in questa stagione televisiva. La stessa Aiart riconosce che la programmazione del palinsesto è certamente antecedente alla scelta del Papa di dimettersi e alla conseguente convocazione del Conclave per l’elezione del nuovo Pontefice. La preoccupazione dei cattolici è per l’immagine negativa della Chiesa che, in un momento cruciale come questo, possa essere trasmessa al telespettatore medio. Per questo il presidente Luca Borgomeo ha espressamente chiesto a La7 il rinvio de I Borgia:

Sarebbe opportuno che spostasse la messa in onda. E’ infatti un momento delicato per la Chiesa, per il papato, e I Borgia è incentrato su torbide vicende della Chiesa e del Vaticano del XV e XVI secolo (…) I credenti sono in grado di fare le debite distinzioni con la situazione odierna, ma i non credenti o chi ha una cultura religiosa approssimativa può fare lo stesso?

I Borgia per ora sembra restare nell’originale collocazione: La7 continua a trasmettere gli spot della serie tv in onda domenica 3 marzo. Forse si spera che l’Aiart torni sui suoi passi, come quando ritirò la denuncia contro Corrado Guzzanti e il suo show trasmesso proprio da La7.

—————————o0o————————–

BORGIA-irons104ib

Da questa sera, ogni domenica alle ore 21.30 con un doppio episodio, La 7 propone per la prima volta in Italia la serie statunitense I Borgia (titolo originale “The Borgias”), trasmessa dal mese di aprile 2011 sul canale cavo Showtime e, dopo i 19 episodi delle prime due annate, già rinnovata per una terza stagione di 10 episodi che arriverà negli Stati Uniti dal prossimo 14 aprile.
Il regista, e premio Oscar, Neil Jordan (“La moglie del soldato”) ha creato la serie, prodotto e sceneggiato i 9 episodi della prima stagione, e ne ha anche diretto i primi due in onda questa sera. Il telefilm  non va confuso con l’omonima serie europea I Borgia di Tom Fontana, trasmessa in Italia sul canale pay Sky Cinema 1 e distribuita in home-video.

Rodrigo Borgia (Jeremy Irons) è il manipolativo patriarca della famiglia Borgia, e ha costruitop un impero sulla corrazione della Chiesa cattolica, orchestrando un regno senza fine di potere e crudeltà. Tutto inizia quando Rodrigo si fa strada nella chiesa diventando Papa Alessandro VI, sullo sfondo dei Rinascimento occidentale e della scoperta delle Americhe. Contemporanei di Leonardo Da Vinci, Michelangelo e i Medici, i Borgia furono una famiglia controversa ed eretica, commettendo virtualmente ogni peccato possibile ed inventandone anche alcuni mai commessi prima.
Di seguito la presentazione curata dall’ufficio stampa La7.

I BORGIA

In prima visione assoluta la serie di successo con Jeremy Irons

Domenica 3 marzo alle 21.30 su La7

Domenica 3 marzo arrivano su La7, per la prima volta in Italia, I Borgia. La serie, creata dal regista Neil Jordan (Intervista col vampiro e La moglie del soldato) con protagonista, nei panni di Papa Alessandro VI, l’attore premio Oscar Jeremy Irons, ha suscitato subito grande entusiasmo negli Usa, diventato dopo appena una puntata uno dei più grandi successi del canale Showtime degli ultimi anni. Nove puntate senza filtri, sugli intrighi, i torbidi rapporti sessuali, gli omicidi di una delle famiglie più intriganti, corrotte e malfamate del Rinascimento italiano.

Roma, 1492. Mentre Milano e Firenze prosperano, la morte di Papa Innocenzo VIII fa sprofondare la capitale in una crisi profonda. Rodrigo Borgia (Jeremy Irons, premio Oscar nel 1990 per Il mistero Von Bulow) cerca di rimpiazzarlo tra minacce, corruzione, ricatti e omicidi, riuscendo a farsi eleggere Papa con il nome di Alessandro VI. Al suo fianco la sua privatissima arma letale: i figli Cesare, Juan e Lucrezia. Cesare (François Arnaud) è nominato cardinale e aiuta il padre a difendersi dagli attacchi interni al Vaticano; il frivolo Juan (David Oakes) diventa gonfaloniere dell’esercito papale mentre la quattordicenne figlia Lucrezia (interpretata dall’affascinante Holliday Grainger) è data in sposa a Giovanni Sforza, garantendo così l’alleanza con il Nord Italia. Ma i nemici dei Borgia non demordono: il cardinale Orsini non lo avvelena per poco e Della Rovere cerca di svelare la sua scandalosa relazione con Giulia Farnese. Non ci riuscirà, perché Cesare e il sicario Micheletto sono risoluti a difendere il Papa e la sua famiglia.

Il debutto sul network americano Showtime, che in questi ultimi anni ha regalato gioielli del piccolo schermo come Dexter e Homeland, ha fatto registrare, nel primo episodio, uno dei migliori debutti televisivi degli ultimi sette anni, creando uno degli appuntamenti di culto più attesi del palinsesto del canale con oltre 1,5 milioni di telespettatori.

La serie, girata interamente a Budapest, si è avvalsa di un’equipe di storici, costumisti e scenografi di primissimo piano per raccontare l’ascesa di Rodrigo Borgia al trono papale attraverso corruzione, intrighi, omicidi e veleni. “La cosa più interessante era raccontare il modo in cui il potere si veste di un mantello religioso, divenendo poi terrificante nei suoi appetiti”, sottolinea il regista Neil Jordan, premio Oscar per la sceneggiatura di La moglie del soldato nel 1992. All’inizio Jordan aveva pensato di realizzare un film per il grande schermo. “Ma ho cambiato idea – spiega – quando mi sono reso conto che non sarebbe stato possibile comprimere in un paio d’ore temi e personaggi tanto complessi”.

Con I Borgia La7 arricchisce ulteriormente il suo palinsesto, inserendo un altro prezioso elemento nel quadro delle grandi serie tv. Le vicende della famiglia più oscura e misteriosa del Rinascimento italiano, in prima visione assoluta, si inseriscono all’interno di una stagione già ricca di avvenimenti e di investimenti importanti, sempre attenta a proporre appuntamenti di grande successo e qualità.

Gli episodi de I Borgia saranno visibili in replica on demand su www.la7.tv

Sul sito www.iborgia.la7.it sarà presente una videogallery con i momenti più intensi degli episodi, i contenuti extra e tutte le informazioni sulla serie. Sulla fanpage facebook.com/fictionla7 saranno disponibili aggiornamenti, notizie e curiosità sulla serie e sul cast.